di Ennio Masiello

Ncera na vota. . . nc’era nu paisi
...ma nu paisi fattu pi vìteri,
na chicchira, nu culu ti bicchieri,
pizzenti sì, ca no tinia turnisi,
però tinia nu mari ‘mprufumatu
ca ti ‘ndurava t’alica e di scuegghiu
e nu cielu ti stelli ‘mbrillantatu
ca no nci ndè allu mundu n’atru megghiu.
 
Allu Casali tuttu nu sciardinu
t’arvuli vierdi e fiuri colorati,
cu tre quattru casoddi e nu villunu
a mienzu comu pecuri spatriati.
 
Vita senza pinzieri, scuscitata,
pircè ndi cuntintammu ti lu nienti:
la giacca ‘rrivutata ti lu tata,
Sant’Antueni e la focra ti sarmienti,
la Mellonata a Santa Pulinari,
pettuli, purcidduzzi, ‘ncacciddati;
la vindegna ‘ndurava pi li strati
e Sanghiatoru nuestru scìa pi mari.
 
Genti senza malizia, alla ‘bbunata:
Rutu Rutu, Pea Pea, Trapulanella,
la Cicurara cu la rumanella,
Roccu Piccioni cu la cremolata,
carosi ca tuzzàunu cu li nuci,
vecchi allu friscu cu li siggiteddi,
vagnuni ca sciucaunu a “fuci fuci
manueli” e ti pariunu rundineddi.

 
Ddi tiempi comu parunu luntani,
lu cori mia nci penza e si ‘rrivota:
atru mundu, atra vita, atri cristiani.
Brindisi no nc’ è cchiù !. . . Nc’era na vota.

Commenti

Questa era Brindisi della nostra generazione. Enio Masiello l'ha dipinta in NCERA VOTA.. BRINDISI. Come sempre BRAVO ENNIO mi hai davvero commosso. Grazie.

By Mario Spagnolo (non verificato)


È meravigliosa questa poesia... mi emoziona tanto

By Marina (non verificato)


Aggiungi un commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.